Ho letto e accetto la privacy policy

Seguici su:       

eurofishmarket - magazine & books






Eurofishmarket e la ricerca

Eurofishmarket va alla ricerca di soluzioni e risposte a quelle che sono le problematiche più sentite dal mondo della produzione a quello della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti ittici. A tale scopo collabora con sedi Universitarie e Istituti di Ricerca pubblici e privati, Ministeri di competenza, la FAO e con Autorità di controllo nazionali ed estere anche al fine di fornire in tempo reale tutti gli aggiornamenti di carattere legislativo, tecnico e scientifico riguardanti il settore ittico. Oltre che a fornire una migliore conoscenza e gestione dei prodotti ittici e dunque una loro migliore promozione abbattendo la concorrenza sleale.



Le indagini di Eurofishmarket

Che “Cafodos” dicono?

Sul Corriere Salute un articolo riaccende l’allarme “Cafodos”, una delle numerose miscele di additivi utilizzati nei prodotti ittici.
Il Cafodos però non è un fluido magico che trasforma Cenerentola in una Principessa (non ridona al prodotto un aspetto gradevole se non lo ha di suo…lo migliora di pochissimo), né una sostanza nociva (contiene quasi tutti additivi ammessi dalla norma).
Partiamo da queste considerazioni non per difendere un prodotto che in parte è illegale...

Altri articoli: "Quando il pesce “puzza” e non si sente!"
"Filetti “gonfiati”?"
"I nuovi perchè dell'additivazione in campo ittico"

» Scarica il commento di Eurofishmarket

MOCA e giornata mondiale dell'alimentazione

Il 16 ottobre si celebra ogni anno, su iniziativa della FAO, la Giornata Mondiale dell'Alimentazione che quest'anno è stata incentrata sul tema "Sistemi alimentari sostenibili per la sicurezza alimentare e la nutrizione”.
Fra le varie iniziative, Eurofishmarket ha partecipato, a Milano presso la Società Umanitaria, alla presentazione delle linee guida per il riscontro documentale sull'applicazione del Reg. CE 2023/2006 ed ai lavori in corso sulle linee guida per la documentazione di supporto MOCA. I materiali a contatto con gli alimenti rappresentano un settore in crescita e particolarmente propenso alle innovazioni nel settore alimentare.
Eurofishmarket in collaborazione con la SIMeVeP sta preparando un approfondito dossier in merito ai materiale a contatto nel settore ittico.
Se vuoi partecipare al progetto contattaci .

» Vai alla pagina della Giornata Mondiale dell'Alimentazione
» Scarica le linee guida sui moca dell'ISS

Radiazioni o allucinazioni?

Sedata la notizia “bufala” relativa ad una presunta radioattività nelle conserve di tonno provenienti dalle zone FAO 61 e 71. Eurofishmarket ha collaborato con diversi media per riflettere in modo scientifico sul tema ed invita tutte le aziende interessate ad usufruire gratuitamente di un progetto coordinato dall’IZS di Roma utile a verificare il proprio prodotto gratuitamente per i suddetti aspetti.
Per accedere al progetto o avere informazioni in merito scaricare il modulo in allegato.

» Leggi l'articolo
» Leggi l'articolo

Shelf life dei prodotti ittici: iniziamo a verificarle

SIMeVeP ed Eurofishmarket portano al Congresso della Word Veterinary Association di Praga un poster riassuntivo di una prima e significativa ricerca condotta con l’Università di Padova e che prova l’importanza di valutare la reale shelf life dei prodotti ittici in commercio anche in relazione al metodo utilizzato. L’atmosfera modificata infatti ha per esempio...

» Scarica il poster
» Leggi l'articolo

Tonno rosso…di vergogna

Vista la circolazione di tanto prodotto ittico trattato con additivi consentiti e non, sul prossimo numero della rivista Eurofishmarket dossier dedicato interamente al tonno rosso e manuale allegato gratuitamente sul nuovo Regolamento additivi.
Abbonati per riceverlo e leggi quanto già prodotto da Eurofishmarket sul tema.

» Leggi l'articolo
» Leggi l'articolo

Cadmio e molluschi

Le problematiche legate alla presenza di cadmio sopra i limiti di legge rappresentano una problematica emergente nel settore dei prodotti ittici. Già negli anni passati la questione ha riguardato (e continua peraltro a riguardare) molluschi cefalopodi e la carne scura di granchio per il consumo della quale l’EFSA ha emanato precise raccomandazioni.
Alcuni prodotti ittici sono in grado di accumulare elevati livelli di Cd: ostriche, gasteropodi e soprattutto cefalopodi, anche in aree a bassa contaminazione ambientale. Nel caso dei cefalopodi, ad esempio, il cadmio si accumula nella ghiandola digestiva, circa il 90% della quantità totale, con un rapporto tra il contenuto nell’epatopancreas e quello nel muscolo pari ad alcune centinaia.
Negli ultimi mesi la problematica si è estesa anche a prodotti pescati nelle acque dell’alto Adriatico come i murici, i murici spinosi ed anche prodotti di elevato valore commerciale come le cappesante ed i canestrelli.
Per evitare di mettere in commercio prodotti contaminati le autorità sanitarie hanno preso il provvedimento di interdire alla pesca alcune zone considerate più a rischio.

» Scarica l'articolo da Eurofishmarket n.18
» Leggi l'articolo

L’Olanda dichiara guerra alle frodi sulla platessa

Grossa inchiesta in Olanda sulle truffe più comuni che screditano il mercato della platessa, una delle specie ittiche più richieste ed apprezzate dal consumatore italiano. Su giornali e tv.
Anche Eurofishmarket ha contribuito a verificare la concorrenza sleale sul mercato della platessa con numerose ricerche e pubblicazioni prese in considerazione anche dal mercato olandese.

» Leggi l'articolo di Eurofishmarket
» Leggi l'articolo di Eurofishmarket

Il punto su Aquamed 2013

Online la relazione su Aquamed 2013, la mostra convegno dell'industria dell'acquacoltura sostenibile.

» Scarica il pdf

Un progetto sostenibile dall'Olanda

Su NSFC Magazine è stato pubblicato in Olanda un articolo in merito al progetto della platessa sostenibile. Il progetto è stato seguito da Eurofishmarket per una supervisione dello stesso e per la sua promozione sul mercato italiano. Sono già oltre 47 i produttori che hanno aderito al progetto in Olanda e che stanno procedendo con le certificazioni. Il progetto è sostenuto dal Governo olandese ed è sicuramente un esempio di evoluzione del settore ittico. Diverse le aziende italiane interessate.

» L'articolo su NSFC Magazine
» L'inchiesta di Eurofishmarket sulla platessa sostenibile

Baccalà o merluzzo salato?

Eurofishmarket sta svolgendo un’indagine per verificare l’eventuale frode di vendita di merluzzo salato con il nome di baccalà: contattaci se vuoi partecipare!

» Scarica il DM 31/01/2008

Che pesce danno nelle mense pubbliche e private?

Nuova indagine di mercato promossa da Eurofishmarket in collaborazione con vari partner aziendali e scientifici per verificare le specie ittiche che maggiormente vengono somministrate nelle mense pubbliche e private italiane. Le indagini sono indirizzate principalmente a verificare:

  • la corretta corrispondenza tra la specie ittica dichiarata nel menù (capitolato di acquisto) e specie ittica realmente servita nel piatto;
  • la presenza o meno di additivi nei prodotti ittici somministrati, se non dichiarati;
  • la sostenibilità delle specie ittiche utilizzate e le motivazioni della loro scelta. Se volete avere ulteriori informazioni o collaborare al progetto mense in essere scrivete a: info@eurofishmarket.it

Additivi nel pesce fresco?

Tra gli speciali in programma uno tutto dedicato agli additivi Additivi nel pesce fresco? Etichettatura ed additivi “di nuova generazione” ossia tutte quelle sostanze non utili tanto ad aumentare la conservazione del prodotto ma a renderlo più bello o più pesante (trattenenti di umidità).

» Scarica il pdf

Additivi nel pesce fresco? 2

Si può parlare di pesce fresco se vengono aggiunti ad esso degli addititvi? Come devono essere utilizzati e a quale scopo sono prevalentemente aggiunti? Eurofishmarket risponde con esperti legali e tecnici specializzati in materia di additivi a questi interrogativi e promuove ricerca utile a questo scopo.

» Scarica il pdf
» Leggi l'articolo

NEW! Decongelato per fresco

Continua l'indagine promossa da Eurofishmarket sulla ricerca di un metodo analitico utile a differenziare un prodotto fresco da uno decongelato soprattutto quando è commercializzato in tranci e filetti. La frode riguarda principalmente prodotti ittici quali il tonno pinne gialle, la triglia atlantica, la sogliola atlantica ed il pesce spada oltre a polpi, calamari e totani. Una ricerca preliminare sfruttava (articolo pubblicato sul n.1/2008 di Eurofishmarket) esclusivamente la potenziale applicabilità della tecnica NIRs (Near Infrared Reflectance Spectroscopy) per l'identificazione tra fresco e decongelato in un prodotto di pregio quale il trancio di pesce spada (Xiphias gladius). Ora la ricerca sta proseguendo e si sta perfezionando nella ripetibilità; e significatività dei risultati. Con la nuova metodica sviluppata in collaborazione con l’Università di Padova, l’IZS delle Venezie e della Liguria, che mette insieme ricerca con i metodi ad infrarossi e indagini istologiche, Eurofishmarket sta conducendo una nuova indagine di mercato utile a rilevare la percentuale di frode su tonno, triglie e sogliole in filetti.
Invito al controllo. Volete diventare partner della ricerca e verificare i vostri fornitori per la frode fresco decongelato?
Per saperne di più contattateci scrivendo ad info@eurofishmarket.it

» Scarica il dossier

Il mercurio è un problema?

Da Eurofishmarket n° 10 un’inchiesta sul mercurio per fare un po’ di chiarezza su uno dei metalli pesanti che maggiormente intimorisce i consumatori.

» Scarica il pdf

Taglie minime:quali novità?

Da Eurofishmarket n° 7 l’articolo "Taglie minime:quali novità?". Tutte le principali novità in merito all’entrata in vigore del regolamento (CE) 1967/2006 per lo sfruttamento delle risorse del Mediterraneo: dalle dimensioni minime delle maglie delle reti, alla distanza dalla costa, alle taglie minime di sbarco e di commercializzazione dei prodotti ittici.

» Scarica il pdf

Pro e contro del salmone affumicato

Da Eurofishmarket n° 10 un esclusivo dossier sul salmone affumicato dove sono affrontate tutte le potenziali frodi a cui può essere soggetto. Tra queste ultime la pratica di congelare il salmone dopo averlo affumicato. Una tecnica analitica è in grado di rilevare questo trattamento…Scopri come...

» Scarica il pdf

Cernia o non cernia?

"Nuove" sostituzioni di pesce e ancora confusione nel commercio della cernia in Italia con un elenco di denominazioni obbligatorie da rivedere ed un mercato che troppo spesso attribuisce il nome commerciale “cernia” a specie che cernia non sono.

» Scarica il pdf

Di che pesce è davvero questo filetto?

Esiste ma non è ancora a disposizione di tutti la metodica analitica che identifica i pesci anche quando sono lavorati in tranci e filetti. Senza questa metodica risulta praticamente impossibile, anche per un esperto, attuare una reale verifica di questa tipologia di prodotti e le frodi di questo tipo sono numerosissime.

» Scarica il pdf

"Freezerine"...queste sconosciute

Una indagine condotta da Eurofishmarket alla verifica di nuove tecnologie di conservazione dei prodotti della pesca utilizzate durante le fasi di trasporto: le cosiddette “freezerine” per verificare le loro caratteristiche intrinseche e le possibili conseguenze del loro contatto diretto con gli alimenti.

» Scarica il pdf

Allevato o Selvaggio?

Spesso si parla della qualità dei prodotti ittici; ma quali sono i parametri attraverso i quali diamo un giudizio di qualità ad un prodotto ittico? I consumatori utilizzano gli stessi criteri di quelli utilizzati dai tecnici specializzati o percepiscono la qualità in maniera differente?

» Scarica il pdf

Trasporto di pesce azzurro in acqua e ghiaccio

Una ricerca effettuata dalla M.A.R.E. Soc. Coop è andata a verificare l’efficacia della conservazione di pesce azzurro mediante immersione in acqua e ghiaccio mettendolo a confronto con quello tradizionale, consistente nella ghiacciatura del prodotto incassettato in contenitori di polistirolo forati.

» Scarica la circolare
» Scarica la relazione completa

Le indagini segnalate da Eurofishmarket

Il pirosequenziamento come strumento per una rapida identificazione di specie ittica e rilevazione di frodi commerciali

» Leggi l'abstract
» Scarica l'articolo (in inglese)

Patologie e qualità del prodotto in acquacoltura

Su "Professione veterinaria" 28/2012 i risultati di una ricerca volta a stabilire la relazione tra patologie dei prodotti ittici e la qualità del prodotto che arriva al consumatore.

» Scarica il pdf

Inquinamento e cetacei

Con l’appoggio di diverse Associazioni, è stato recentemente pubblicato un documento dal titolo “Ricerca di idrocarburi in Mediterraneo e impatto sull’ecosistema marino e sulla vita dei Cetacei”. Tale documento contiene una descrizione delle attività di ricerca di idrocarburi e del loro impatto sui Cetacei e più in generale sull’ecosistema marino: l’obiettivo è quello di mettere in evidenza cosa si sta verificando nei mari italiani e puntualizzare quali sono i pericoli ai quali vengono esposti l’ambiente, la salute pubblica, l’economia della pesca e del turismo, alla ricerca di un intervento concreto e responsabile da parte delle Istituzioni ed Enti preposti al monitoraggio del settore marittimo e della salute dell’ecosistema marino. Nel prossimo numero di Eurofishmarket: un approfondimento sugli IPA nella piccola pesca e la normativa sull’argomento

Second Workshop on Fish Technology, Utilization and Quality Assurance in Africa

Online il rapporto FAO e i lavori scientifici presentati al ’WORKSHOP ON FISH TECHNOLOGY, UTILIZATION AND QUALITY ASSURANCE IN AFRICA’, tenutosi ad Agadir (Marocco) il 24-28 novembre 2008.

» Scarca il rapporto
» Scarica il lavoro sulla IEF

Comportamento del pesce azzurro mantenuto in miscele ghiaccio-acqua con e senza sale

Il cosiddetto “Slurry Ice” è costituito da sospensioni di micro particelle sferiche di ghiaccio in acqua di mare a concentrazioni variabili, il suo utilizzo offre un miglior trasferimento del freddo rispetto a tutti gli altri sistemi di raffreddamento e ha il vantaggio di coprire il pesce senza danneggiarlo, producendo una barriera all’aria, quindi all’ossidazione e alla disidratazione.

»
» Leggi l'articolo